Gli Sport che Allenano il Cervello

La pratica fisica in generale e quella di alcune discipline in particolare apporta benefici ai neuroni, mantenendoli giovani e potenziando abilità cognitive, come ragionamento, memoria, concentrazione. Una ricerca della Mayo clinic (Usa) ha evidenziato le discipline pro cervello: corsa, nuoto e tutti gli sport aerobici, ma anche basket, ciclismo, calcio, hockey, pallamano, tennis, canottaggio, ping-pong, scherma e taekwondo. Ecco perché.

Per i neurologi della Mayo clinic, trenta minuti di un’attività aerobica per cinque volte alla settimana riducono il rischio di declino cognitivo. “Le attività aerobiche, che richiedono sforzi non troppo intensi ma prolungati nel tempo, durante le quali si respira normalmente e il cuore batte alla stessa frequenza, aumentano l’ossigenazione di tutto l’organismo” dice il neuropsicologo Giuseppe Alfredo Iannoccari.

“Il sangue raggiunge e nutre i distretti cerebrali che potrebbero non essere ossigenati a sufficienza in chi è sedentario, impedendo ai neuroni di andare incontro alla morte; le strutture del cervello si rinforzano come le capacità cognitive associate”.

Le attività aerobiche rendono migliore il controllo dell’ossigeno e non stimolano la produzione di radicali liberi, alla base dell’invecchiamento anche dei neuroni. Così si contrasta il decadimento cognitivo e si rinviano le malattie neurodegenerative.

Gli effetti positivi dello sport sulle performance cognitive (come memoria, concentrazione, coordinazione ecc…) cambiano a seconda dell’attività sportiva. In generale permettono un maggior sviluppo cognitivo gli sport: simmetrici, cioè che impegnano in modo eguale entrambe le metà del corpo; complessi, cioè che richiedono movimenti non predefiniti e ripetitivi, ma da improvvisare in base all’evolversi dello schema di gioco; di squadra, perché impegnano il cervello in schemi complessi in cui occorre tener conto di sé, degli avversari e dei compagni di gioco.

Pagheremo con Tablet e Smartphon

Entro marzo, chi collegherà un dispositivo allo smartphone o al tablet potrà pagare o ricevere pagamenti ovunque, con carta di credito e bancomat. Il primo a pensare al pagamento mobile è stato Jack Dorsey, il fondatore di Twitter, con Square. Ma l’Italia non è stata a guardare. Così due startupper lombardi, Jacopo Vanetti e Giuseppe Saponaro, 25 anni, hanno inventato Jusp.

“Jusp si collega attraverso la porta audio a tutti i tipi di smartphone e tablet e accetta carte di credito, debito e bancomat. Permette di eseguire transazioni ovunque ci si trovi. Per pagare basta collegare il dispositivo al mobile e utilizzare l’App abbinata gratuita. Scrivi l’importo, digiti il pin e ricevi l’accredito sul conto indicato” spiega Saponaro.

“Siamo andati negli States per studiare il business nel dettaglio e capire come adattarlo al mercato europeo. La differenza è nella tastiera numerica integrata. Square può accettare solo le carte con banda magnetica. Grazie alla tecnologia chip&pin, invece Jusp è in grado di accettare le carte con chip e i bancomat, ed è sicuro contro le frodi” continua uno dei due ideatori.

Sarà molto utile “ai professionisti che si muovono per lavoro, artigiani, commercianti, tassisti. Per chi non fattura abbastanza per sostenere i costi di un dispositivo fisso rilasciato dalla banca e desidera una soluzione che abbia un costo trasparente e facilmente calcolabile”.

Il lancio commerciale è previsto entro marzo. Il prezzo sarà di poche decine di euro e non ci saranno costi di attivazione, canoni mensili né penali per la cessazione del servizio. Sarà applicata una fee per ogni transazione.

Il team di Jusp ha già ricevuto 3mila richieste. L’obiettivo per il 2013 è arrivare a 50mila clienti.

Piu’ Benessere con le Vitamine B

Le vitamine del gruppo B agiscono in sinergia tra loro, proprio come una squadra. Aiutano l’organismo a sfruttare al meglio le sue risorse: mentali e fisiche; promuovono la salute in generale. Ecco nel dettaglio il loro ruolo.

La B1 per la concentrazione. Chiamata anche tiamina, è indispensabile per il corretto funzionamento del sistema nervoso, del cuore e dei muscoli. Favorisce l’appetito e la digestione. Aiuta a migliorare la concentrazione, l’efficienza intellettuale e l’apprendimento. Il suo fabbisogno aumenta quando si pratica l’attività sportiva.

La B2 per lo sviluppo. La riboflavina è essenziale nei processi di trasformazione del cibo in energia. E’ importante, in particolare, per la salute della pelle e delle mucose. E’ necessaria, infine, per la formazione degli anticorpi e dei globuli rossi.

La B3 per la salute delle cellule. Chiamata anche niacina, favorisce la circolazione del sangue, è importante per mantenere l’integrità del sistema nervoso ed è indispensabile per la produzione dell’emoglobina e delle membrane cellulari. Riduce il colesterolo, favorendo l’eliminazione dei grassi dalle pareti arteriose.

La B5 per le difese naturali. Definita anche acido pantotenico, riduce la fatica e lo stress e migliora le difese immunitarie (naturali). Contribuisce in maniera evidente a mantenere in buona salute pelle e capelli e contrasta i processi d’invecchiamento.

La B6 per la serenità. La piridossina ha un ruolo importante nella produzione dei tessuti dei muscoli, dei neurotrasmettitori e come modulatore degli ormoni. Combatte la perdita dell’appetito, l’irritabilità e l’insonnia.

La B9 per il benessere. L’acido folico è essenziale per la forma fisica, ma gioca anche un ruolo fondamentale per le cellule del midollo osseo. E’ indispensabile per lo sviluppo completo del sistema nervoso del feto e per la crescita corretta dei bambini.

La B12 per il sangue. La cobalamina è indispensabile per il corretto funzionamento del sistema nervoso, specialmente nei lattanti e nei bambini. Contribuisce alla formazione dei globuli rossi e riduce l’irritabilità e la stanchezza fisica e mentale.

Non è facile fornire l’organismo di vitamine B solo attraverso il cibo. Anche un’alimentazione sana e varia può non bastare. Il nostro sito tra le sue ricerche ha trovato un integratore straordinario ricco di vitamine B. Per maggiori informazioni clicca