L’Italia è in Fallimento

Non è un titolo provocatorio, è quanto a dichiarato ilSole24Ore, il 2 agosto.
“Default, la parolina straniera che tanti pronunciano con leggerezza, è considerata generalmente una malattia leggera che prima o poi tutti devono fare, come il morbillo, gli orecchioni o la scarlattina.

Niente di più falso. Il livello di sviluppo di una nazione non si misura solo col PIL o con la tecnologia che è in grado di progettare/produrre, ma anche dalla pace sociale, dalla sicurezza che è in grado di assicurare ai propri cittadini. Non solo in termini di repressione della criminalità, ma in termini di certezza delle istituzioni: la legge, l’ordine, l’assistenza sanitaria, la chiarezza nei rapporti di lavoro, la stabilità dei redditi e l’affidabilità che lo stato è in grado di garantire quando fa una promessa ai suoi cittadini.

Fallire non è solo dire: non sono in grado di pagare i miei debiti, ma anche rinunciare di colpo al livello di sviluppo raggiunto con il lavoro di tante generazioni. In queste ore si parla di tutto: iva sociale, prelievi coatti della tredicesima e di un’altra mensilità per tutti i dipendenti e pensionati, eliminazione dell’assistenza sanitaria diretta, abrogazione dell’articolo 18 per garantire una maggiore flessibilità del mercato del lavoro, posticipo dell’erogazione dei trattamenti di fine rapporto (le liquidazioni, per intenderci).

Si tratta sicuramente di misure efficaci perché garantiscono gettiti e risparmi immediati, sicuri, quantificabili e una sorta di finanziamento indiretto all’industria tramite la possibilità di poter licenziare in tutta libertà e di poter trattenere le liquidazioni. Altro che le fesserie della riduzione dei costi della politica. Solo l’abolizione delle province e delle comunità montane richiederebbe anni per il trasferimento delle competenze, mentre l’eliminazione dei vitalizi causerebbe una pioggia di ricorsi per la negazione di un diritto acquisito. Ora che i creditori bussano alla porta ci vogliono i denari, non le promesse.

Immaginate quale tipo di nazione ci aspetta dopo l’11-11-11, la data nella quale il Sole 24 Ore ha previsto il fallimento per l’Italia. Stipendi prelevati di forza dallo stato, medicine e visite a pagamento, licenziamenti con una semplice letterina prestampata, una cambiale al posto della liquidazione, rischio di poter perdere la casa perché non si è in grado di pagare il mutuo o il fitto. Praticamente la pace civile abrogata da un giorno all’altro.

Certo, magari a chi legge brucia il sedere perché fino a oggi ha lavorato come un ciuco, paga il mutuo e non ha un euro di debito. Perché si dovrebbe trovare precipitato nel terzo mondo senza aver fatto nulla? Questa domanda ha una risposta semplicissima: perché fino ad oggi si è disinteressato di quello che la politica faceva al suo paese. Ha accettato che un gruppo di potere ristretto detenesse il controllo del suo destino mentre lui guardava Valentino Rossi in tv e si è interessato veramente di Berlusconi solo quando c’era da guardare le fotine della Ruby o della Minetti su internet. Si pecca per opere, ma anche per omissioni.

L’inverno del 2011 inizia ad agosto. Farà tanto freddo che tutti ci ammaleremo d’anarchia.”

Pochi Italiani Risparmiano

Solo il 47,2% degli italiani riesce a mettere qualche soldino da parte, e il 44% è stato costretto a dover usare i propri risparmi a causa di una crisi che ha inferto delle ferite rimaste ancora oggi aperte. Un’indagine svolta da Intesa Sanpaolo e dal centro di ricerca Luigi Einaudi, descrive la cittadinanza italiana che guarda al futuro con grande preoccupazione e che cerca di soddisfare il proprio bisogno di sicurezza preferendo, agli investimenti, la “fuga nella liquidità”.

“Da un pò di tempo a questa parte, osserva Gregorio De Felice chief economist Intesa Sanpaolo, l’immagine dell’italiano formichina, dell’italiano risparmiatore, sta sbiadendo. Per effetto dell’alto tasso di disoccupazione, delle dinamiche salariali modeste e delle minori coperture previdenziali, la propensione al risparmio è scesa di quattro punti in dieci anni”.

A sentire di più e a denunciare l’impossibilità a ricorrere al risparmio sono in prevalenza persone che risiedono nel Mezzogiorno (67,6%); poi ci sono i giovani, i lavoratori a basso reddito, le famiglie che abitano in affitto. Con la collaborazione della Doxa sono stati intervistati 1.037 capofamiglia per lo studio “Indagine sul risparmio e le scelte finanziarie degli italiani”, che viene proposto dal 1983. Ne è emerso che il 60% degli intervistati conserva più del 10% delle proprie sostanze sul conto corrente, e che il 30% vi lascia addirittura un terzo della propria ricchezza finanziaria. “E’ la fuga nella liquidità”, si legge nel rapporto, “un comportamento coerente con l’incertezza”.

Chi investe sceglie soprattutto le obbligazioni (24,6%), anche se, a differenza del passato, non le considera più un porto sicuro: la casa, per la grande maggioranza degli intervistati (82%), rimane la soluzione più confortante. Si registra, inoltre, “l’eclissi dell’azionario”: gli investitori residui, in prevalenza dirigenti, laureati e cinquantenni, sono concentrati nel Nord-Ovest (16,2%) e nel Nord-Est (16,8%).

I 25 Manager più Pagati d’Italia

Alessandro Profumo, Luca Cordero di Montezemolo, Marco Tronchetti Provera, Cesare Geronzi e Paolo Scaroni. Sono loro i cinque top manager più pagati a Piazza Affari nel 2010, in base ai dati finora pubblicati dalle più importanti società quotate in Borsa. Alessandro Profumo, amministratore delegato di Unicredit fino allo scorso settembre, guida indisturbato la classifica con un compenso di 40,6 milioni, di cui 38 milioni come liquidazione: 36,5 alla voce incentivo all’esodo e 1,5 milioni per un patto di non concorrenza. In un accordo complessivo in cui, si legge in una relazione del gruppo, Unicredit si è impegnata a versare in beneficenza due milioni. Destinataria l’associazione di don Colmegna.

Al secondo posto, nella classifica di presidenti e amministratori delegati le cui società hanno già pubblicato i bilanci o le relazioni con tanto di tabella sui compensi, c’è l’ex presidente di Fiat, Luca Cordero di Montezemolo. I milioni in questo caso sono 8,7, dovuti in gran parte non alla buonuscita di Fiat (1,03 milioni) ma all’incarico, ancora ricoperto, di presidente della Ferrari (7,5 milioni). Medaglia di bronzo a Marco Tronchetti Provera, presidente di Pirelli, che arriva a sfiorare i 6 milioni, di cui 2,4 da percepire nel corso del 2011.

Segue in classifica Cesare Geronzi, che somma la presidenza di Mediobanca prima a quella delle Generali poi. L’assegno totale, per un anno e mezzo (il bilancio di Piazzetta Cuccia va da luglio a giugno), vale più di 5 milioni. Chiude la “top five” l’amministratore delegato di Eni Paolo Scaroni, con un cedolino annuale da 4,4 milioni. Il “ranking” prosegue con decine di milionari. Fino alla posizione 25, cui arriva la classifica qui sopra, ma anche oltre. E tra le società che ancora mancano all’appello delle pubblicazioni ci sono nomi molto grandi, da cui è presumibile attendersi nuovi super compensi.

Le retribuzioni, comunicate direttamente dalle società, possono contenere delle voci calcolate sulla base dei risultati degli anni passati, o inquadrarsi all’interno di complicati piani di incentivazioni a lungo termine, o ancora includere benefici non monetari come auto e polizze. E, naturalmente, possono essere arricchite da cospicui schemi di stock option: i milioni crescerebbero ancora. Non ci sono solo i numeri, però. La classifica dei paperoni di Piazza Affari, per esempio, a oggi è dominata dagli uomini: nessuna donna nella “top 25”. La lista è provvisoria, certo, ma è probabile che non molto cambierà una volta che si conosceranno i dati di tutte le blue chip italiane.

E pensare che in Italia c’è chi non arriva a fine mese.