Perché amo la nutrizione

Spesso mi viene chiesto il perché ho deciso di dedicarmi alla nutrizione. Tempo fa pesavo 15kg in più del mio peso forma, non mi sentivo a mio agio e ogni volta che mi piegavo ad allacciarmi le scarpe, avevo un flash: mi vedevo in ospedale, su una barella con la flebo attaccata e mi portavano d’urgenza in rianimazione… era un incubo.

Quest’incubo mi ha fato scattare la scintilla

Qualcuno pensa che io sia esagerato a pensare queste cose, fatto sta che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato ufficialmente che il 30% dei tumori nei paesi industrializzati è direttamente collegato all’alimentazione, negli altri paesi scende al 20%. La cosa assurda è che più si cresce come industrializzazione e più cresce la percentuale di tumori direttamente collegati all’alimentazione.

Sono esagerato?

Vai su google e cerca. Poi se solo grazie a queste pagine posso aiutare 1 sola persona alla settimana a rimettersi in forma, a correggere l’alimentazione, ne avrò aiutate 52 l’anno. E visto che questo sito esiste dal 2007, cioè 7 anni, ne ho già aiutate 364 e grazie ai social network possiamo aiutare insieme più persone possibili, basta condividere solo ciò che realmente ti piace.

Poniamo il caso che il tumore sia esagerato!

Può starci… ma una cosa di certo non è esagerata: dalle osservazioni cliniche degli ultimi trent’anni si evince che non mangiamo per niente bene e addirittura è difficile sapere da dove proviene il cibo. Secondo alcune statistiche, mangia davvero bene soltanto una percentuale compresa tra il 2 e il 5%… tu personalmente, ti sei mai chiesto se mangi bene? E cosa più importante…

Cosa vuol dire mangiare bene?

Di sicuro NON mangiare ogni giorno pane e pasta, cibi pronti, fritti, insaccati, bere bibite gasate… preferire cibi sani e se ne conosciamo la provenienza è anche meglio. Preferiamo frutta e verdura locale, di stagione… mangiarne varia, di tutti i colori. Preferiamo carni allevate in zona, all’aperto, nutrite ad erba… pesci di mare NON di allevamento. Evitiamo latte e latticini in genere, i cibi contenente glutine anche se non siamo celiaci… è abbastanza semplice, basta stare più attenti nel fare la spesa 😉

Qualsiasi scelta ha un prezzo da pagare

In questi giorni mi è capitato di parlare con un ciclista che riteneva Fitness Drink (un integratore) troppo costoso, il motivo è perché lui nella borraccia mette un integratore che paga 10 euro mezzo chilo. A questo punto ho cercato di analizzare la situazione gli ho chiesto cosa c’era dentro questo integratore… mi elenca i componenti e gli chiedo, scusami ma cosa c’entra con Fitness Drink, che invece è … sua risposta, in effetti non sapevo nemmeno cosa ci fosse nel Fitness Drink, ho avuto la bustina prova senza sapere cosa contenesse. A quel punto ho chiesto: i risultati ottenuti sono uguali? La sua risposta: Noooo!!!

Perché oggi vi parlo di questo?

Buona parte delle persone non analizza bene le scelte e molto spesso si fa influenzare solo dal prezzo. Il prezzo non deve essere mai quello che fa decidere. Io non credo che tu stia col tuo partner solo perché lui sta con te, probabilmente ti piace e ha delle caratteristiche che cercavi in un partner. In passato ho avuto fatta la corte da donne che non avevano le caratteristiche che io cercavo e sarebbe state disposte a tutto pur di conquistarmi, le avrei avute senza fatica, probabilmente ad uno schiocco di dita = senza prezzo da pagare… un pò come quando ti regalano qualcosa che non stai cercando, che non userai mai, che non ti stimola niente… semplicemente non importa il prezzo, non è quello che stai cercando al momento. Più caratteristiche cerchi in un partner (o in un prodotto) più sei disposto a pagare un prezzo più alto… nel rapporto di coppia potrebbe essere rinunciare a qualcosa che ti piace fare pur di far felice il tuo partner: la partita a calcetto con gli amici, lo shopping con le amiche… ecc. ecc.

Sei tu che decidi, sempre!!!

E anche se 2 prodotti, a primo impatto, avessero le stesse caratteristiche, comunque non puoi fare il paragone su una lista di caratteristiche. L’unica cosa che puoi valutare è la resa. Una Fiat 2000 di cilindrata non puoi paragonarla ad una Mercedes 2000, solo perché tutte e due sono 2000. E non puoi paragonarla nemmeno se avessero la lista degli accessori identica. Sono 2 realtà completamente diverse.

Un altro esempio?

Quanto costa 1 kg di uva, quanti kg di uva ci vogliono per un litro di buon vino? Come può un litro di vino costare meno di 1 kg di uva? Esempio del Brick… un litro di vino decente costa almeno 10 volte il brick. Questa si chiama qualità e si paga. Se poi la persona non se lo può permettere, e ci sta… è tutto un altro discorso e comunque ne pagherà il prezzo perché pur di spendere meno si dovrà accontentare di NON avere le caratteristiche che cerca = rinuncerà comunque a qualcosa… sta pagando in scarsa qualità invece che in soldi!!!

Due Piedi in Una Scarpa

Tanto per cambiare, anche ieri ho ricevuto la proposta per un nuovo network ma a differenza delle altre volte oggi voglio condividere con voi alcuni pensieri. Il primo in assoluto è che se vuoi guadagnare soldi seri devi interpretare il Network Marketing come il matrimonio, non puoi avere 2 o 3 mogli e non puoi avere nemmeno amanti per gioco. Questa cosa del gioco poi è la nuova arma di sponsorizzazione…

E’ un gioco… e ci guadagni!!

Tornando all’interpretazione di sopra, se tua moglie si facesse un altro, così per gioco… però lei ama solo te… quello è solo un gioco… ti piacerebbe? Ma Vincenzo non puoi fare questo paragone… in questo “gioco” devi solo stare al pc 1 ora al giorno e fare… vedere… cliccare… ALT!!! Scusatemi un attimo. E tu “pretendi” che io butti 1 ora al giorno della mia vita, 7 ore la settimana, 30 ore al mese, 356 l’anno, per un gioco? Togliendole proprio a mia moglie (il Network Principale) che lava, stira, cucina e mantiene la casa degna di poterci vivere?

Ricordiamoci che nel mentre questi pseudo giochi non metteranno mai piede ufficialmente in Italia, quindi sono già nati con l’evasione nel DNA, la tua azienda di Network Marketing si fa il culo per mantenerti la casa degna di poterci vivere… lotta ogni giorno con lo stato italiano, paga le tasse, si adegua alle cavolate che s’inventa il governo, paga le tue tasse e sta facendo salti mortali per garantirti un futuro.

Scusami l’espressione, non fare minchiate, nemmeno per gioco.

Qualcuno ha il coraggio di dirmi: “ma anche questa azienda è seria, perché non dovrei seguirla? Io non vedo questo paragone con la moglie. Io sono un imprenditore (si eleggono a tale quando fino a ieri rompevano le scatole del perché si debba pagare per iniziare) e da imprenditore decido di avere 2-3 aziende, chi me lo vieta?”

Caro imprenditore dei miei stivali, hai mai visto un imprenditore serio che in pieno start up della sua azienda, ne crea un’altra? Gli imprenditori che hanno 2-3 aziende le hanno create una per volta e solo quando la precedente andava da sola, senza il loro contributo. La tua attuale struttura, se tu dovessi fermarti, quanti soldi ti porterebbe? ZERO?

Allora perché prenderti per il culo?

Non defocalizzarti, concentrati sulla tua creatura, non perdere tempo con giochi o stupidaggini varie, dedicati al tuo sogno. E se per caso sei attratto da un’altra donna, divorzia, abbi il coraggio di prendere delle decisioni, non ha senso avere 2 piedi in una scarpa. Perdi tempo sia di qua che di là. Diventa un professionista, elevati dalla massa di pseudo networker che sul proprio blog pubblicizzano 2, 3, 5 o addirittura decine di opportunità. Solo se fai la differenza attrarrai chi fa la differenza… solo se ti comporti da professionista, attrarrai professionisti!!!