Non c’è più ignorante di chi ne capisce qualcosa

Sembra un controsenso ma è quello di cui mi rendo sempre più conto. Ti faccio un esempio lampante… se grosso modo hai la mia stessa età, indicativamente, a scuola ti hanno insegnato che i tre colori primari sono giallo rosso e blu, ricordi? E sono certo che in una chiacchierata tra amici metteresti la mano sul fuoco che i tre colori primari sono giallo rosso e blu… fermati…

Prima di perderci la mano…

Apri il vano cartucce della tua stampante, vedi giallo, rosso e blu? Mi dispiace deluderti, ma già da diversi anni i tre colori primari non sono più giallo rosso e blu, ma giallo magenta e ciano. Poniamo il caso tu sia un medico, laureato 10 anni fa, quando i tre colori primari erano giallo rosso e blu… paragoniamoli a qualcosa del settore, quindi un alimento, una cura, un disturbo, un processo di assimilazione… una qualsiasi di queste cose. In questi 10 anni ci sono state delle evoluzioni, delle scoperte, degli studi che si completano, situazioni varie che portano a riconoscere che col giallo rosso e blu non si possono effettivamente ottenere tutti i colori e se il rosso lo cambiamo col magenta e il blu col ciano, la gamma di colori aumenta. In pratica, se non ti aggiorni…

La tua laurea pian pianino diventa carta straccia.

Ovviamente qui la sto facendo tragica per farti percepire il concetto del “non c’è più ignorante di chi ne capisce qualcosa”. Te lo spiego meglio con qualcosa che è accaduto in questi giorni. Buona parte dei medici ci hanno frantumato i zebedei per anni su quanto fa bene il latte per la salute delle ossa… io lo dico da quando è nato questo blob che è il contrario, basta cercare vecchi articoli… e quando parlavo con qualcuno di loro era guerra su sta storia del latte. Da un paio di mesi finalmente l’hanno reso ufficiale anche sui siti del settore medico… leggi tu stesso

Ignorare non vuol dire essere stupidi, vuol dire non conoscere.

Un anno fa, c’erano medici che non conoscevano, ignoravano queste problematiche del latte e cosa consigliavano alle loro pazienti con osteoporosi? Beva tanto latte, mangi tanti formaggi, che le fanno bene alle ossa… caaapraaa, caaapraaa, caaapraaa, avrebbe strillato Sgarbi 😀 A parte gli scherzi, questo è un atteggiamento che hanno tantissimi italiani, basta che conoscono minimamente un argomento si sentono di sapere tutto e fanno ferro e fuoco per convincere il mondo intero che hanno ragione…

Non parliamo poi nel mondo dell’alimentazione…

Mamma mia, sono tutti esperti. L’altro giorno parlavo con l’esperto di turno sulla quantità di aminoacidi contenuti in un integratore piuttosto che un altro e spiegavo che quello suggerito da me, avrebbe potuto anche avere una quantità giornaliera inferiore ad altri sul mercato ma grazie ad una speciale tecnologia, questi aminoacidi, arrivavano tutti dove sarebbero dovuti arrivare… è una tecnologia nuova, che non conosci, quindi ignori. Quale è stata la sua risposta? Sono un laureando in scienze motorie e campione italiano di Karate…

E che minchia c’entra con la tecnologia di assimilazione di un integratore?

Oooh, raga, sveglia… il mondo non gira intorno a ciò che avete studiato, o studiate attualmente… quando si parla di qualcosa di nuovo… una nuova scoperta, una nuova tecnologia, una nuova qualsiasi cosa… informatevi, analizzate e se il caso provate… solo provando, testando una cosa, puoi dire se vera o falsa e comunque sia può essere vera in una situazione e falsa in un’altra, può andar bene ad una persona e male ad un’altra… pugno di ignoranti che siamo (me compreso), proviamo le cose e poi ne discutiamo…

Ritorno dalla sfiga

Non scrivo da ben 5 mesi, probabilmente i 5 mesi più incasinati della mia vita… ad essere sincero, in questi mesi mi sono sentito l’uomo più sfigato del mondo. Hai presente quando te ne succedono una dietro l’altra e non hai nemmeno il tempo di respirare? Immagina di essere a mare che stai nuotando tranquillo e… ad un certo punto arriva un’onda esagerata… ti butta giù… ma tu annaspando annaspando riesci a tornare a galla, il tempo di prendere aria e via un’altra onda… tutto questo per 5 mesi di fila…

Posso essere sincero? Un incubo!!!

Nell’ultimo mese, avendo un pò “d’aria” in più, ho analizzato la situazione… sono un curioso, voglio e pretendo di capire il perché accadono certe cose… se no che studioso del comportamento umano sarei? Analizzando analizzando, sai che è venuto fuori? Che la sfiga NON esiste. Ho valutato tutte le disavventure accadute e avevano tutte una cosa in comune, LA DISTRAZIONE… quindi non qualcuno che con una bambolina voodoo ti infilza… non il gatto nero che passando la strada ti manda le maledizioni… e nemmeno la scala magica che se gli passi sotto ti punisce…

Ma semplice DISTRAZIONE

La distrazione nasce dalla vita stressata e piena d’impegni che TUTTI viviamo al giorno d’oggi… io stavo nuotando tranquillo, grazie al mio lavoro non ero sotto stress… ma una serie di vicissitudini, di impegni, di doveri, mi hanno portato a stressarmi, quindi a distrarmi, quindi a farmi prendere alla sprovvista da cose che normalmente si possono controllare. Questo tendenzialmente accade tutti i giorni a tutte le persone che non hanno la possibilità di gestire il proprio tempo a proprio piacimento…

E anche loro probabilmente la chiamano sfiga

Ma la sfiga è ben altro… la sfiga è trovarsi coinvolti, senza volerlo, nelle distrazioni di altri. Rimetterci la pelle perché qualcuno distratto ti investe da dietro, o perché a qualcuno cade un vaso dal balcone, o per qualsiasi altro motivo dipendente da altri. Lì non puoi stare attento, non puoi perché in quel momento stai subendo un attacco esterno… una distrazione esterna. Posso darti un’idea? Tira un attimino i remi in barca… dedica un pò più di tempo a te stesso… la distrazione si paga a caro prezzo.

Un abbraccio

La Tragica Fine dei Networker Senza Lista Nomi

Il numero di persone che trovi sui social è enorme, pensa che solo gli utenti Facebook nel 2015 supereranno il numero degli abitanti in Cina… oltre 1 miliardo di persone collegate tra loro e le trovi tutte a distanza di un click. Si sa, molte di queste nemmeno lo usano, quindi anche se li contatti fai un buco nell’acqua… una buona parte di queste è un utilizzatore assiduo… c’è chi lo usa per piattaforma game… chi per gridare al mondo i propri principi… chi per avere compagnia e cerca amici di tastiera…

Buona Notizia? O Cattiva Notizia?

Diciamo che se vogliamo portare avanti la nostra attività tramite FB, sicuramente avremo difficoltà a parlare con una persona che non si collega mai, come avremo difficoltà a convincere chi ci sta per altro… come scrivemo prima… giocare, strillare i propri principi, in cerca di compagnia. E anche se per caso convincessi qualcuno di questi ultimi, cercherà di portare avanti l’attività nello stesso identico modo…

E’ facile… se mi dicono NO me ne frego…

La paura del rifiuto è il primo motivo per cui le persone non iniziano a fare Network Marketing… peccato che se non accetti il rifiuto non avrai successo in nessuna attività. Accettare il rifiuto è fondamentale. Pensa ad uno sportivo, quante gare perde prima di vincere? Sono tutti rifiuti che deve accettare per crescere… Pensa ad un professionista, quante porte in faccia si prende prima di diventare famoso? Sono tutti rifiuti che deve accettare per crescere. Parliamoci chiaro… Senza Porte in Faccia NON si Cresce!!!

Quante probabilita’ ha di riuscire chi non accetta le porte in faccia?

Z E R O

La dimostrazione di quello che scrivo è la morte di tutti quei fanatici del Network Marketing Senza Lista Nomi… ne avevo parecchi in struttura… anche di nomi importanti in questo mondo Senza Lista Nomi… tutti morti… fatturato zero… bravissimi a parlare, scarsissimi a fare risultati. ATTENZIONE!!! Non sono scarsi loro, alcuni sono veramente in gamba in ciò che fanno… semplicemente è scarso il loro sistema di fare Network Marketing. Non parliamo poi di quel filone che cerca di sponsorizzare chi sta negli altri network… stendiamo un velo pietoso.

Sui social veramente puoi trovare il mondo…

Ma poi devi portarli alle origini del network, sentendoli al telefono, incontrandoli di persona, affiancandoli ai primi incontri, aiutandoli a crescere. Questo è quello che ho fatto sin dall’inizio e quello che facciamo tutt’ora, ogni singolo giorno, con il mio Team. Ho creato un sistema che genera contatti online o che gestisce le mie conoscenze FB, da lì vengono “lavorati” dal sistema, ma poi la prima cosa che facciamo è sentirli al telefono. Le persone hanno bisogno di capire se c’è realmente un individuo dall’altro lato… non vogliono avere a che fare con un computer o con un autorisponditore. Ovvio che un autorisponditore può essere di supporto ma non fa il business.

Il Network Marketing è un business tra persone e funziona da persona a persona…

Le persone vogliono essere seguite, coccolate, formate, e questo è tutto quello che gli diamo per farle crescere. E’ vero che lavoriamo online, ma abbiamo 3 serate formative a settimana, sono 12 al mese, 144 l’anno. Ti rendi conto? Su 365gg, noi diamo formazione per 144gg… ma chi cavolo lo fa? E poi supporto telefonico, email, whatsapp… manco per un franchising da 100 mila euro ricevi tutta questa assistenza… In pratica, se vuoi avere successo devi fondere i due mondi Internet-Realtà…

Diversamente sparisce tutto in un buco nero