Vediamoci Meglio

Sembra quasi la settima a degli occhi. Martedì scorso abbiamo tenuto online una serata benessere dedicata proprio alla vista e ieri mi sono trovato a leggere dei rimedi naturali… sarà un segnale che devo scrivere qualcosa sul blog? Scriviamolo 😉

Di cosa abbiamo parlato martedì…

La nutrizione riesce a fare cose impensabili, migliora la qualità della nostra vita oltre ogni aspettativa. Pensare di migliorare la qualità della vista è impensabile per molti, eppure ci sono delle sostanze naturali che se assunte nelle giuste dosi fanno anche questo…

La Luteina per esempio.

La luteina, il carotenoide presente in molti vegetali, in particolare nelle verdure a foglia verde, come spinaci e cavoli, è un antiossidante naturale che protegge gli occhi da alcune importanti malattie. Nell’occhio umano la luteina si trova nella macula, la parte centrale della retina, responsabile della acuità visiva, la visione dei dettagli. Oltre a svolgere un’importante azione antiossidante, la sostanza forma i cosiddetti pigmenti maculari, una sorta di filtro che impedisce alle radiazioni nocive (la cosiddetta ‘luce blu’) di raggiungere e danneggiare il tessuto sensibile della retina.

A proposito di luce blu,ti regalo un software che diminuisce la luce blu in base all’orario in cui lo usi. Per scaricare il software clicca qui

Proprio la macula è il bersaglio di una malattia invalidante, la Degenerazione Maculare Senile, che risulta essere la prima causa di cecità nelle persone con più di 50 anni. Secondo uno studio della Harvard University, la luteina può ridurre del 43% il rischio di progressione della Degenerazione Maculare Senile, la malattia che solo in Italia colpisce più di un milione di persone.

Grazie agli studi, inoltre, è stato possibile fissare la quantità di luteina che ogni persona dovrebbe assumere con la dieta per proteggere i propri occhi dal rischio di Degenerazione Maculare Senile: 6 milligrammi. Per garantire i 6 mg di luteina al giorno, basta seguire la dieta mediterranea, che prescrive 5 porzioni di frutta e verdura quotidiane. Tra le verdure, meglio scegliere spinaci, cavoli, ma anche fagiolini e, comunque, le verdure a foglia verde.

La Zeaxantina è un’altra sostanza utile per i nostri occhi

E’ un carotenoide della famiglia della xantofille ed è noto per la sua azione antiossidante protettiva specifica per gli occhi. La zeaxantina è, assieme alla luteina, uno dei principali componenti del pigmento maculare della retina, in particolare si trova sia nella macula che nel cristallino dove filtra la luce blu ad alta energia dannosa per l’occhio e agisce da antiossidante specifico contro le specie radicaliche dell’ossigeno.

Diversi studi hanno evidenziato che la somministrazione di zeaxantina e luteina migliora l’acuità visiva e la visione centrale risultando utile in caso di degenerazione maculare, nella prevenzione delle cataratte e di altre problematiche degli occhi.

Vitamina A

Una carenza di vitamina A, anche leggera, può provocare un rapido affaticamento degli occhi, sensibilità alle variazioni della luce, palpebre secche, predisposizione alle infezioni degli occhi, possibili ulcerazioni e cecità irreversibile. La causa principale della cecità notturna (l’incapacità di vedere bene con poca luce o quando fa buio), è la carenza di vitamina A. La vitamina A è necessaria per la formazione della porpora retinica, la sostanza negli occhi che permette di passare dalla luce viva all’oscurità. La retinite pigmentosa è una degenerazione graduale della retina che causa la cecità. La fase iniziale è caratterizzata da cecità notturna e da altri disturbi tipici di una carenza di vitamina A. Sembra che le persone colpite da questo disturbo abbiano uno scarso assorbimento della vitamina A.

Vitamina E

Alcuni studi effettuati hanno dimostrato che la vitamina E può migliorare la vista. L’integrazione di vitamina E ha diminuito la gravità e la durata della fase acuta della fibroplasia retrolenticolare. La vitamina E insieme alla vitamina A possono curare disturbi visivi che non corrispondono alla carenza di una vitamina in particolare. L’arteriosclerosi dell’occhio è stata curata con l’uso di vitamina E. La carenza di vitamina E è probabilmente uno dei fattori responsabili del distacco della retina. L’uso della vitamina E ha dato buoni risultati anche nella cura dell’indebolimento dei muscoli oculari, dello strabismo, della vista annebbiata o sdoppiata.

Tempo fa avevo molto più affaticamento oculare di adesso che assumo queste sostanze, la mia vista è più riposata e riesco a stare tranquillamente al pc per diverse ore.

Cosa ho trovato ieri?

A me piace molto leggere e aggiornarmi sulla nutrizione, in particolare se legata a “guarire” piccoli disturbi. Ieri leggendo una guida trovata online, “Manuale Pratico di Medicina Naturale”, ho scoperto alcuni miscugli benefici per i nostri occhi.

Per la stanchezza per esempio, suggerisce degli impacchi fatti con patata grattuggiata, o camomilla. Io per esempio in passato (prima di luteina, zeaxantina, viamine A ed E) utilizzavo fare degli impacchi di acqua e aloe vera.

Se hai gli occhi gonfi, viene suggerito ti tagliare un cetriolo a rondelline, mettere questi dischetti sugli occhi e rilassarsi per qualche minuto.

Quando invece fanno male, meglio una mela grattugiata… questo puoi estenderlo a tutto il viso perché è anche un toccasana per la pelle.

Se hai sabbia, ardore, bruciore, ti serve il latte intero. Si può usare un contagocce, o applicare con un panno inzuppato, o cotone idrofilo, sopra gli occhi, fino a sentire giovamento… questo rimedio è utile anche per togliere, o diminuire le occhiaie.

Un’ infusione leggera di petali di rosa, o l’acqua ottenuta da loro macerazione (per esempio nel corso di una notte) in una bacinella: è eccellente sia per togliere la stanchezza, che per schiarire la vista.

Infine, anche se non è naturale… e sinceramente mi fa un pò senso, questa guida riporta un metodo che a quanto pare abbia degli eccellenti risultati per fortificare la vista e il nervo ottico, nei casi di vista debole. Si tratta del fegato di Bue: meglio, chiaro, se comprato nei paesini, dove gli animali vengono ancora nutriti senza cose chimiche. La ricetta è molto semplice e dura 12 giorni, ma si può proseguire se a qualcuno piace, senza inconvenienti; ed è questa: 100gr di fegato di Bue si fa bollire in 1/2 litro d’acqua senza sale; prima si beve il liquido, poi si mangia la carne. Si fa a digiuno la mattina, appunto per 12gg.

I Ciclisti si Stanno Avvelenando

Da un anno a questa parte mi sto dedicando al ciclismo in fuoristrada, quello conosciuto come mountain bike o MTB e ogni volta che si parla di come avere più energia, viene fuori… mangia la pasta… è piena di carboidrati… ti da energia… ecc. ecc. L’importanza di mangiare la pasta credo sia oggi la credenza più diffusa nel mondo del ciclismo… addirittura sento storie di chi la mangia la sera perché avendo una lenta digestione se la ritroverebbe come energia al mattino dopo…

E pensare che anche io avevo questo genere di credenze in passato!!!

Un paio di anni fà, quindi nemmeno tanto tempo fà, ero vegano… addirittura avevo iniziato anche il percorso verso l’igienismo. Tutt’ora credo che l’igienismo sia il massimo in assoluto della purezza per la nutrizione del corpo umano, ma purtroppo oggi insostenibile. L’igienismo è mangiare cibo ingeribile senza bisogno di cottura, quindi tutto ciò che arriva dalla natura, alternandolo a delle giornate di digiuno. Praticando sport, lavorando e vivendo in una società come la nostra è praticamente insostenibile… almeno per me.

Torniamo indietro…

Dopo aver appurato l’insostenibilità dell’igienismo, da parte mia, torno al veganesimo e l’errore che fanno più spesso i vegani, è quello di mangiare più pasta del normale… nella mia testa c’era il ragionamento… tanto sono cereali, vengono dalla natura… un bel giorno mi scontrai con un seguace della dieta Paleo, mi scartavetro il cervello distruggendomi il mito che mi ero creato sulla pasta… mi ha fatto rendere conto di cose che nemmeno immaginavo.

Partiamo da ciò che già sapevo!!!

Prima di continuare mi preme precisare che NON devi credere ciecamente a ciò che sto scrivendo, come è giusto NON credere ciecamente a tutto ciò che si trova online e nemmeno a quello che ti dice l’amichetto del cuore. Quello che leggerai è solo frutto dei miei studi e dei test svolti su me stesso al fine di migliorare le mie condizioni fisiche, le mie prestazioni e la mia salute. Quindi non sono un medico ma sono una persona che ha cercato, testato sulla propria pelle e verificato ciò che leggerai da adesso in poi… ti dico solo che da quando seguo queste semplici regole non mi sono mai più ammalato e in casa nostra non esistono più farmaci, nemmeno la semplice aspirina.

Quindi, che la pasta, essendo farina bianca, diventa colla lo sapevo già da quando ragazzino mi piaceva modellare la carta pesta e la farina bianca è un ottimo collante. Essendo colla si va a depositare tra i villi intestinali creando pericolosissime incrostazioni. Bisogna sapere che dai villi intestinali avviene l’assorbimento dei nutrienti ingeriti con l’alimentazione, quindi se i villi sono incrostati i nutrienti hanno difficoltà ad essere assorbiti dal nostro organismo. Mangiando la stessa mela, una persona con l’intestino pulito acquisisce più nutrienti di una con l’intestino incrostato.

Quindi se la tua alimentazione è particolarmente ricca di farinacei bianchi, raffinati, riduci di molto i nutrienti che arrivano al tuo organismo, la tendenza è quella di avere continuamente fame perché pur ingerendo tanta roba, buona parte di ciò che entra dalla bocca poi la buttiamo in bagno… quando va bene. E si, proprio perché l’intestino che si incrosta, si intasa anche, e la stitichezza regna sovrana… e troviamo persone che non vanno in bagno per giornate intere…

Quindi ho pensato, ok passo all’integrale.

Il problema è l’integrale non esiste. Se vai ad un mulino e chiedi farina integrale, se la persona è seria, ti risponde che non esiste la farina integrale. Quando loro mettono i chicchi di grano nelle macchine, le macchine dividono comunque le parti del chicco di grano, da un lato esce la farina raffinata e dall’altro gli scarti che per noi esseri umani sarebbero un ottimo nutriente. Infatti tra questi scarti ci sono la buccia (crusca) e il germe che contengono proteine, minerali, fibre e le famose vitamine B molto utili per bruciare i carboidrati. Quindi mangi il carboidrato senza ciò che ti aiuta a bruciarlo = grasso viscerale.

Cosa ti vendono per integrale? Farina raffinata + cruschello. Quindi non trovi la farina integrale vera ma farina raffinata con aggiunta di cruschello… colla con qualche scaglietta di crusca, il germe di grano nel frattempo si è andato a fare friggere da qualche altra parte… e questo quando ti va bene. Certe volte, nelle confezioni trovi scritto “con” farina integrale che non vuol dire “di” farina integrale. Quindi la percentuale di cruschello in confronto alla farina raffinata è molto più bassa… una vera presa per i fondelli.

Poi è arrivato il glutine…

Più che arrivato, ne siamo venuti a conoscenza grazie alla Celiachia. Anch’esso è un forte collante, anzi, più glutine c’è meglio incolla la farina, più compatto è un impasto… e più si incolla, più incrosta… Inoltre il glutine non fa male solo ai celiaci ma a buona parte delle persone, non a caso una delle cause della sindrome dell’intestino irritabile è proprio l’assunzione di glutine… per assurdo anche se non ti hanno diagnosticato l’intolleranza al glutine. Se soffri della sindrome dell’intestino irritabile prova a ridurre gli alimenti contenenti glutine per almeno un mese, verificherai su te stesso.

Indice glicemico???

Un’altra cosa che spesso sottovaluta chi mangia pane e pasta è l’indice glicemico. Questo indice misura la capacità che ha un alimento di produrre zucchero (glucosio) nel sangue, più è alto e più si alza la glicemia dopo averlo assunto. Pane e pasta hanno un indice glicemico alto, non a caso sono una delle cause di diabete. Mantenendo la glicemia alta per troppe ore… si parla di ore, non di giorni… si può andare incontro a disidratazione e ad altre conseguenze correlate gravi, fino a danneggiare l’organismo: i reni, il cervello, le arterie. L’unico modo per non far alzare la glicemia mangiando pasta sarebbe non superare i 40gr… chi ne mangia solo 40gr? Sento ciclisti che ne mangiano 200-300gr… hai idea cosa accade a livello glicemico? Hai dei picchi glicemici assurdi e ovviamente poi dei crolli altrettanto assurdi.

Mamma mia, c’è anche l’amido…

E si, buona parte degli alimenti contenenti carboidrati, contengono anche amido e troppi amidi ingeriti costituiscono uno dei fattori preponderanti nella predisposizione a reumatismi, artrite, gotta. Gli alimenti contenenti amido sono: grano (pane e pasta), riso, mais, avena, orzo, segale, sorgo, miglio, patate, manioca, igname, taro, tania, fagioli, piselli, ceci, lenticchie, fave, banane, mango, mele… questi alimenti sono chiamati anche complessi, sono più difficili da digerire quindi da bruciare = è più facile che si trasformino in grasso che in energia.

Che cavolo mangio per produrre energia?

L’ideale sono i carboidrati semplici contenuti in frutta (tranne banane, mango, mele), frutta a guscio (noci, nocciole, mandorle, pistacchi), verdura, alghe. Io per esempio ogni mattina mangio mezzo chilo di frutta di stagione e durante la giornata mangio frutta a guscio, verdure… dove abito non è semplice reperire alghe… il problema rimane per chi va in bici, l’energia della frutta dopo un pò svanisce e non ci possiamo portare un chilo di frutta da mangiare durante il giro in bici… infatti l’ideale è caricare poco a livello glicemico ma farlo spesso… e qui entrano in gioco gli snack totalmente di frutta da mangiare ogni ora, i carboidrati in gel monodose, oppure la versione più pratica che preferisco, i carboidrati in borraccia a diverso rilascio… ovviamente anche io ogni tanto sgarro con carboidrati complessi e per bruciarli utilizzo un integratore di vitamine B… ad ogni problema c’è una soluzione 😉

Un Sogno che si Avvera…

Nel 1996, la prima volta che sono venuto a contatto col Network Marketing mi parlarono di una qualifica da sogno, una qualifica in cui avrei potuto smettere di lavorare e vivere di rendita con una pensione d’oro… era un sogno… e credo che molte persone, come me allora, si sono fatte ammaliare da questa qualifica da sogno… era una qualifica così da sogno che addirittura in molti pensavamo che qualcuno avesse messo quelle figure lì di proposito per attirare i nuovi iscritti…

Che mente contorta che ha l’essere umano…

Quando vediamo che qualcuno raggiunge un risultato fuori dal comune, pensiamo subito che ci sia qualcosa sotto… “e proprio quel qualcosa sotto che a me non permetterà mai di raggiungere lo stesso risultato…” abbiamo la necessità di sentirci giustificanti per un eventuale fallimento… abbiamo bisogno di avere un colpevole pronto da tirare in ballo in caso di insuccesso… ci sentiamo più tranquilli… non è mai colpa nostra… “Se non sono riuscito è colpa di…”

riprenditibenessere

Quella ambita qualifica, guarda caso, anche allora si chiamava President’s Team (in altri Network si chiama Diamond) e inconsciamente quel nome me lo sono portato dentro. Ogni volta che vedevo un piano marketing nuovo cercavo quel nome… anche in PM l’ho trovato e, quando me ne hanno parlato, ho chiesto subito chi erano i President’s Team… al primo evento mondiale sono rimasto a bocca aperta… ce ne erano centinaia… e nessuno li aveva messi lì per caso… non c’erano i 4 sfigati in giacca e cravatta tirati a lucido per l’occasione… c’era la casalinga, lo studente, il professionista, l’insegnante, l’operaio… c’era chiunque avesse mantenuto il fuoco acceso per almeno 5 anni… qualcuno aveva impiegato di più, qualche altro meno… poco importa, il comune denominatore era e lo è tutt’ora, avere il fuoco acceso!!!

Il Tuo Fuoco è Abbastanza Acceso?

Oggi, avendo raggiunto l’ambita qualifica di President’s Team, posso garantirti che questa regola vale per tutto nella vita… qualsiasi cosa tu stia facendo, il tuo fuoco è abbastanza acceso? Se non lo è, è arrivato il momento di cambiare. Nella vita e per la vita, fa qualcosa che ti accende, che ti fa andare a letto tardi, che non ti fa dormire la notte, che ti fa svegliare ancor prima che suoni la sveglia, che ti faccia alzare il culo da quella sedia senza bisogno di violentarti…

Un Uomo Spento è un Uomo già Morto!!!